Sông núi trên vai – Carrying the Mountain and River on Our Shoulders La montagna e il fiume sulle nostre spalle a cura di Laura Garavaglia

“Questa antologia è per il lettore italiano un valido approccio alla poesia vietnamita, poco conosciuta nel nostro Paese, come in generale tutta la produzione letteraria del Vietnam. Un volume prezioso, che deve essere letto e apprezzato, oltre che per l’alto valore dei testi, come testimonianza della storia di un popolo segnato da anni di guerre e privazioni e che oggi, nel mondo globalizzato, sta sperimentando un rapido incremento economico. L’antologia è stata pubblicata dalla Vietnam Writers’ Association (VWA) in traduzione inglese in occasione della Conferenza Internazionale sulla Traduzione in Vietnam che si è tenuta nel febbraio 2019. Gli autori appartengono a generazioni diverse, sono tutti stati o sono a tutt’oggi membri della VWA e hanno ricevuto importanti riconoscimenti nazionali per la loro opera.” (dalla prefazione di Laura Garavaglia)
Gli autori:
ANH NGOC, NGỌC BÁI, THUBỒN, HUY CẬN, NÔNG QUỐC CHẤN, LÂM THỊ MỸ DẠ, XUÂN DIỆU, PHẠM TIẾN DUẬT, QUANGDŨNG, BÀN TÀI ĐOÀN, NGUYỄN KHOA ĐIỀM, TRẦN NINH HỒ, THI HOÀNG, CHÍNH HỮU, TỐ HỮU,TRẦN ĐĂNG KHOA, NGUYỄN ĐỨC MẬU, LÊ THỊ MÂY, TRẦN NHUẬN MINH, GIANG NAM, PHAN THỊTHANH NHÀN, MAI VĂN PHẤN, VIỄN PHƯƠNG, VŨ QUẦN PHƯƠNG, Y PHƯƠNG, THANH QUẾ, BẾKIẾN QUỐC, TRẦN QUANG QUÝ, XUÂN QUỲNH, TRẦN VÀNG SAO, LÒ NGÂN SỦN, NGUYỄN TRỌNGTẠO, THANH THẢO, NGUYỄN ĐÌNH THI, NGUYỄN QUANG THIỀU, HỮU THỈNH, HOÀNG TRUNGTHÔNG, TRÚC THÔNG, CHIM TRẮNG, VƯƠNG TRỌNG, CHẾ LAN VIÊN, BẰNG VIỆT, LÊ ANHXUÂN – CA LÊ HIẾN, LƯU QUANG VŨ

L’ÂGE MYTHIQUE – L’età mitica di Jeton Kelmendi

L’ho immaginato come un visitatore che, dall’esterno, guarda se stesso dentro la sua storia, con una forte nostalgia per la sua triste patria che vive una realtà dilaniata tra due opposti, amore e guerra – Un grande amore e una guerra sanguinosa. (Prof. Ernesto Kahan Vincitore del Premio Nobel per la Pace nel 1985)

Kelmendi non ama le malizie e i sotterfugi linguistici, filologici e funamboleschi delle finte e vere avanguardie e pone il suo interesse sui sentimenti, sulla quotidianità, sugli eventi che accompagnano l’uomo attimo dopo attimo (Dante Maffia)

Jeton Kelmendi è nato nel 1978 a Peć, in Kosovo. È precursore ed esponente rappresentativo della poesia albanese moderna, è scrittore, saggista e giornalista per vari giornali albanesi ed esteri. Laureatosi all’Università di Bruxelles, ha conseguito master e Dottorato in diplomazia e politica internazionale. È professore alla AAB University e membro attivo dell’Accademia Europea di Scienze, e Arti di Salisburgo. Le sue raccolte approfondiscono la lirica dell’amore, del conflitto nel quale ha combattuto durante la guerra in Kosovo e la realtà dei nostri tempi; le poesie sono state tradotte in più di ventisette lingue.

Prefazione di Ernesto Kahan. Postfazione di Dante Maffia. Traduction française par Dmytro Tchystiak avec la collaboration de l’auteur et Nicole Laurent-Catrice. Traduzioni dal francese di Michela Primerano, Revisione di Annarita Tavani. In copertina Incendio in Kenya di Ottavio Rossani

 

Info link

https://www.amazon.it/L%C3%82GE-MYTHIQUE-mitica-Jeton-Kelmendi/dp/1673547133/ref=sr_1_5?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&keywords=stefano+donno&qid=1576074326&s=books&sr=1-5

Il venditore di Stelle di Oleksandr Irvanets

 

“In un’intervista rilasciata nell’aprile del 2016, Irvanets afferma che in gioventù era molto lirico, scriveva bei versi d’amore; poi il vino è diventato aceto: la satira ha preso il sopravvento. Ha acquisito l’immagine sociale dell’umorista, dell’uomo dalla parola aspra. I talenti poetici si dividono in diversi segmenti. Irvanets non si può definire un poeta cantore: anche nelle liriche amorose talora introduce note sarcastiche. La vena lirica pare essersi seccata, mentre si è sviluppata quella sarcastica, che ha preso il sopravvento su tutto (cura e traduzione di Paolo Galvagni)

Oleksandr Irvanets è nato nel 1961 a L’viv, importante centro culturale dell’Ucraina sud-occidentale. È cresciuto a Rivne. Nel 1980 si è diplomato all’Istituto Pedagogico di Dubno, nel 1989 all’Istituto letterario di Mosca. Dal 1993 risiede a Irpen’ nei pressi di Kyïv. Ha pubblicato la prima poesia nel 1979.

Info link
https://www.amazon.it/venditore-Stelle-Oleksandr-Irvanets/dp/1702521001/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&keywords=il+venditore+di+stelle+i+quaderni+del+bardo&qid=1574954742&s=books&sr=1-1

 

… e adesso tutto cambia! di Giovanni Piero Paladini ( I Quaderni del Bardo Edizioni per Amazon)

La splendida e sensuale Rosetta incontra Mansoor, un affascinante musulmano iraniano, e se ne innamora perdutamente. Lo scontro culturale è sempre, drammaticamente, dietro l’angolo, tra religione, ipocrisie e … ossessioni sessuali dalla forza inimmaginabileGiovanni Piero Paladini, sessantaduenne di origine salentina, laureato in giurisprudenza esperto di relazioni internazionali.
Opera da anni nell’area MENA con la CONFIME – Confederazione Imprese Mediterranee di cui è fondatore e Presidente. Convertito all’Islam nel 2013 col nome “Khaled”, è stato promotore della prima Università Islamica in Italia di cui è attualmente Presidente. E’ alla sua quarta produzione letteraria dopo la trilogia dedicata all’Avv. Marco Latini, composta da “L’onore Perso”, “Il decimo cerchio”, “Il giuramento del falco”.
Avvertenza – L’opera è adatta ad un pubblico adulto, e per alcune scene in essa contenute potrebbe urtare la sensibilità e moralità del lettore, pertanto se ne sconsiglia la lettura alle persone facilmente impressionabili.
Info link

Futuro Remoto Gioielli

Ogni gioiello di Gianni De Benedittis cattura i sensi e lo sguardo. Varie sono le diverse ispirazioni, narrazioni e i messaggi dietro ogni creazione. Si attraversano mondi a volte anche fantascientifici, talaltra con i piedi ben saldati a terra si abbracciano tematiche ecologiste dalla forte rilevanza sociale. Who is Gianni De Benedittis? Designer e creatore di gioielli, fondatore e direttore creativo del brand futuroRemoto. Nel 2007 vince il premio Who is on Next? di VOGUE Italia per la gioielleria; nel 2009, a Milano, il Premio delle Arti, Premio della Cultura. Numerose le mostre in Italia e all’estero. Collabora con il regista Ferzan Ozpetek nella creazione dei gioielli per il film Mine Vaganti (2010); per Aida del 74° Maggio Musicale Fiorentino (2011); per il film Magnifica Presenza (2012); per La Traviata al Teatro San Carlo di Napoli (2012), a Hong Kong (2013), a Bari (2014), a Napoli (2017); per i film Allacciate le cinture (2014), Rosso Istanbul (2017), Napoli Velata (2017). Dal 2009 disegna e crea gioielli per le collezioni alta moda di Guillermo Mariotto, direttore creativo della Maison Gattinoni. Il futuroRemoto di Gianni De Benedittis? … E’ proprio in questo libro!
Info link

Numeri e stelle di Laura Garavaglia

 

 

 

 

 

L’attenzione dell’autrice è rivolta a grandi figure storiche della matematica occidentale: dagli antichi Pitagora e Archimede ai moderni Cantor e Riemann, senza dimenticare, a chiusura di lista, il geniale quanto sfortunato Alan Turing, vittima di quel potere britannico moralistico e intollerante che ne condanno’ la “diversità”. I versi, oltre a ricordarci con pochi tratti le singole problematiche, ci informano dell’humus esistenziale-esperenziale dei protagonisti. (dalla prefazione di G. Isella)

Laura Garavaglia è nata a Milano nel 1956. Vive e lavora a Como. Poeta e pubblicista, ha collaborato alle pagine culturali dei quotidiani “Il Giornale”, “Il Corriere di Como”, “L’Ordine”. Ha insegnato materie letterarie nelle scuole superiori della provincia di Milano e della città di Como. Ha fondato e presiede l’Associazione culturale “La Casa della Poesia di Como” ed è organizzatrice e curatrice del Festival Internazionale “Europa in versi” che dal 2011 si tiene ogni anno a Como. Ha pubblicato cinque libri di poesie, tradotti in varie lingue. Sue poesie sono pubblicate in molte riviste e siti letterari italiani e stranieri. È invitata a numerosi Festival Internazionali di poesia (Danimarca, Germania, Romania, Kosovo, Colombia, Vietnam, Giappone, Corea ecc.).www.lauragaravaglia.it

 (Euro 10,00)

La cenere del cuore Ion Deaconescu

 

 

 

“Ion Deaconescu, alla disperazione, allo schianto del dolore contrappone i ricordi, tasselli di un mosaico che ricompongono il passato, lo fissano in una dimensione di un tempo dilatato, un presente ampliato secondo le esigenze della memoria che non ha confini, allarga e restringe i ricordi continuamente, facendoli rivivere: “Adesso, ti sento ovunque, nella mia stessa ombra, / nello specchio che rifiuta il mio sguardo, / nella porta che non si chiude, / nel profumo delle lenzuola, / ma soprattutto nella mia lacrima / che diventerà fiume, mare, oceano, / abisso di effimera impermanenza”. Il miracolo della poesia è questo: la parola che si fa luce, memoria, rinascita che sconfigge la morte”. (Laura Garavaglia)

(euro 10,00 pp. 110)

Pelle accesa-Burning skin. Ediz. Bilingue di Maria Caspani

 

“In questi versi, pubblicati in italiano con a fronte la traduzione in inglese fatta dalla stessa autrice, Caspani riesce a trasmettere al lettore una visione del mondo contemporaneo acuta e mai scontata, affrontando tanti temi di drammatica attualità, grazie anche alla professione di web producer e reporter svolta durante gli anni di soggiorno a Londra, quando si occupava di diritti umani e delle donne”. (Dall’introduzione di Laura Garavaglia)

(euro 10,00 pp.58)

“Athanor, la Scienza Segreta del Cuore – Trattato Alchemico” di Stefano Delacroix

Esce per i Quaderni del Bardo Edizioni di Stefano Donno

il nuovo libro di Stefano Delacroix dal titolo

“Athanor, la Scienza Segreta del Cuore – Trarttato Alchemico

 

Non è sufficiente essere studioso,

attivo e perseverante,

se manca un solido principio,

che sia una base concreta,

se l’entusiasmo smodato accusa la ragione,

se l’orgoglio tiranneggia il giudizio,

se l’avidità s’accresce alla fulva luce d’un astro d’oro. (Fulcanelli)

 

L’Athanor è il luogo interiore della trasmutazione, dove l’alchimista realizza l’Oro Filosofico. Un’antica metafora sottende il fatto transazionale e potente del risveglio iniziatico, un processo volto a sbozzare la materia grezza e rivelare il passaggio segreto dell’Alchimista. Fondendo l’antica conoscenza alla nuova, e rinsaldando la propria presenza consapevole, il discente sgroviglia il filo arianneo perché gli sia finalmente chiaro l’itinerario che lo condurrà fuori dagli intricati e dolorosi labirinti psichici della modernità.

Stefano Delacroix (Taranto, 18 agosto 1966), pubblica nel ’94 l’album “Ribelli” (ed. Hobo, distribuzione Sony Music) e nel ’97 “La Legge Non Vale” (ed.Hobo, distribuzione Sony Music). Dedicatosi alla carriera di scrittore, pubblica successivamente i romanzi “La Memoria del Mare” (2006, ed. la Riflessione), “Peristalsi” (2007, ed. il Foglio), “Il Sesto” (2008, Lupo editore, 2012 in II° edizione), “Nigredo (2013, ed. I Libri di Emil) e “Calm Beach” (2015, ed. I Libri di Emil). Alchimista e studioso di Filosofia, Onironautismo e tecnologie della psiche, celebra il suo esordio saggistico con “Athanor, la Scienza Segreta del Cuore” (i Quaderni del Bardo edizioni di Stefano Donon 2019).

 

L’immagine di copertina è di Maximilian Vetrano

Le immagini “Moire” e “Ruota della fortuna” sono di Roberto Shambhu

 

 

iQdB edizioni di Stefano Donno (i Quaderni del Bardo Edizioni di Stefano Donno)

Sede Legale e Redazione: Via S. Simone 74 – 73107 Sannicola (LE)

Mail – iquadernidelbardoed@libero.it

Info Link – http://www.iquadernidelbardoedizioni.it/

 

Più probabile che non di Chiara Evangelista

“Una scrittura che si rifiuta alla noia. Il lettore si abbandoni alla continuità alternata alla discontinuità delle sillabe convocate sulle pagine. Penso che in questo libro si assista alla messa in parodia del rapporto tra il linguaggio e la verità. Ne risulta che il lettore viene travolto dalla frenesia festosa insita, ma celata, nel linguaggio comune”. (Dall’introduzione di Tomaso Kemeny)

“Chiara va oltre l’ascolto e il dialogo con i segni e le parole, la sua texture poetica riesce a banchettare con le parole, riesce a vocalizzare sensi e sentimenti, a decostruire l’impossibile per dare un nuovo senso alle cose, alla parola e alla poesia…”  (Dalla postfazione di Donato Di Poce)

pag.58 euro 10,00